Editions Sois, Aura-Sois-Formation : Le site de Anne Givaudan et du Dr Antoine Achram

Le site de Anne Givaudan et le Dr Antoine Achram

 

“Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo” — Gandhi.

 

• Per salvare i migranti, comprano un aereo

Rifiutando di restare impotenti di fronte all’ecatombe dei rifugiati in difficoltà, due piloti francesi, Benoît Micolon (35 anni) e José Benavente (49 anni), decidono di comprare un aereo a loro spese (130.000 €) per sorvolare il Mediterraneo e individuare i migranti in pericolo. Dal cielo, in effetti, l’ampliamento del campo visivo e la rapidità del volo permettono di coprire una zona di ricerca molto estesa.  La capacità di ricognizione dall’aria è di circa 200 volte superiore a quella delle imbarcazioni.  Desiderosi di agire in fretta, alla fine di gennaio scorso i due uomini hanno inoltre creato l’associazione « Piloti Volontari » (per aiutarli, andate su  pilotes-volontaires.org).

Con il loro aereo, battezzato Colibrì in ricordo della celebre leggenda amerindia, questi due piloti fanno la loro parte con un’azione concreta che dovrebbe  chiamare in causa le autorità ufficiali dei paesi coinvolti… Un immenso bravo per questa formidabile iniziativa !

Fonte: Agenda Plus – Giugno 2018 n° 298 – Photo © Le Parisien.
 

• Vittoria per le sementi contadine

Dopo anni di lotte, i sostenitori del bio ottengono finalmente soddisfazione. D’ora in poi, gli agricoltori bio potranno vendere le sementi derivate dai loro stessi prodotti. Così hanno deciso i deputati europei, con gran dispiacere di  Monsanto e compagnia bella.

Fino ad ora, soltanto le sementi elencate in un catalogo ufficiale potevano essere legalmente commercializzate. Oro, come sottolinea Le Figaro : la maggior parte di queste sementi apparteneva a delle multinazionali come Monsanto. Risultato : un’omologazione di frutta e verdura, una standardizzazione della nostra alimentazione e un impoverimento della biodiversità. Ma alla fine di aprile, gli eurodeputati hanno messo fine alla « criminalizzazione » di ciò che chiamiamo le sementi contadine. In occasione di una nuova legislazione il cui fine è sostenere il bio, hanno adottato una misura che autorizza gli agricoltori bio a vendere i semi ottenuti dai loro propri raccolti! Questa decisione, che entrerà in vigore solo nel 2021, mette fine a 37 anni di vincoli (la commercializzazione di sementi al di fuori del catalogo ufficiale, infatti, era stata vietata con decreto dell’81).
Fonte:  Agenda Plus – Juin 2018 n° 298
 

• Fine della deforestazione in Colombia

In due anni, la deforestazione dell’Amazzonia sul versante colombiano sarebbe aumentata del 44 %. Un dato allarmante che, nel gennaio scorso, ha spinto un gruppo di giovani a perseguire lo Stato colombiano, accompagnati nella loro impresa dall’ONG Dejusticia. Le loro rivendicazioni?
Il gruppo chiedeva che il governo garantisse loro i diritti fondamentali alla vita e all’ambiente e ne rispettasse i diritti costituzionali. La Corte Suprema della Colombia ha dato ragione ai giovani denuncianti. Essa ha riconosciuto l’Amazzonia colombiana come « soggetto di diritto ». Il governo, da questo momento, ha 4 mesi per preparare un piano d’azione per la preservazione della foresta. Una vittoria storica che dà sempre più peso alla mobilizzazione cittadina.

Fonte:  Agenda Plus – Juin 2018 n° 298
 

• Nulla si perde, tutto si trasforma

Ubicuity™  è il risultato del fruttuoso lavoro dei diversi operatori di una filiera di riciclaggio indipendente,  messa a punto su iniziativa di BIC, e che propone un modello di economia circolare unico in Francia.
Grazie a questa cooperazione innovativa con TerraCycle, Govaplast e Plas Eco, BIC si prefigge di sperimentare una filiera di riciclaggio perenne i cui obiettivi sono :

•  Finanziare l’ampliamento del programma di raccolta delle penne usate;

• Accelerare l’azione di riciclaggio degli scarti post consumo, in particolare della plastica ;

• Mostrare ai cittadini e agli scolari l’esito concreto della loro azione di differenziazione : raccogliendo le penne usate, essi partecipano alla loro trasformazione sotto forma di banchi o panchine, bordure di alberi, ecc. e potranno ora usufruirne nelle vie e nelle scuole.
Sponsorizzata e ispirata da BIC, la filiera è organizzata nella maniera seguente :

• TerraCycle mette a disposizione la cassetta degli attrezzi che consente ai gruppi di organizzare la raccolta delle penne usate sul posto dove vengono consumate.
• Un riciclatore frantuma, seleziona i materiali e li invia a Govaplast, sotto forma di pellets (piccole sfere) o di paillettes, i materiali plastici selezionati per la fabbricazione dell’arredamento da esterni.

• Govaplast fabbrica, a partire dai pellets o paillettes, dei banchi o panchine di plastica riciclata post consumo che vengono successivamente mandati a Plas Eco.

• Plas Eco progetta, fabbrica, distribuisce e commercializza i prodotti della gamma Ubicuity™.
Fonte: culture(s)bio n° 99 Mai-Juin 2018
 

• Eco Bio Control

Un interessantissimo blog in cui è possibile trovare tutto quello che riguarda i componenti di qualunque prodotto in commercio sotto la voce INCI ECO BIO CONTROL, sia come singola sostanza che come formula intera. Inoltre vi si possono trovare informazioni riguardanti la normativa, gli allergeni, l'impatto ambientale, la sostenibilità del packaging e molto altro.
Fonte:  www.ecobiocontrol.bio
 

• Fattorie produttrici di spirulina e malnutrizione

Nel 2050, il pianeta Terra conterà 10 miliardi di bocche da sfamare. Al momento attuale, una persona su nove non soddisfa la propria fame, ovvero 600 milioni di individui, di cui quasi 159 milioni sono bambini al di sotto dei 5 anni. Di fronte a questa constatazione, l’associazione di solidarietà internazionale “Antenna Francia” si impegna nella lotta contro l’estrema povertà e la malnutrizione. Una soluzione? La spirulina, una famosa micro-alga ad alto potere nutritivo permette di potenziare l’alimentazione delle popolazioni in situazione di carestia e di carenza. Per questo l’associazione organizza, notoriamente in Africa, dei programmi di produzione di spirulina. Delle fattorie locali di spirulina ne distribuiscono gratuitamente un terzo della loro produzione ai bambini indeboliti da un'alimentazione povera in proteine. I restanti 2/3 sono messi in vendita al fine di finanziare il funzionamento di ogni fattoria e di remunerare gli impiegati. Una magnifica iniziativa da sostenere senza riserve.
Info su antenna-France.org
Fonte: Agenda Plus n°297 Mai 2018
 

• Trappola-solare anti-parassiti

In India, le misure per la lotta antiparassitaria chimica, messa in auge questi ultimi decenni, hanno un impatto negativo sull’ambiente circostante contaminando non soltanto i prodotti agricoli ma anche la falda freatica. Un produttore di riso nella regione del Kerala ha dunque messo a punto una soluzione economica che rispetta l’ambiente grazie al potere del sole. Questa trappola innovativa si compone di un contenitore su un tre piedi, di una lampadina a led e d’un pannello solare. Il led emette luce azzurra che attira gli insetti e li inganna. Il sistema resta in funzione solamente negli orari notturni in cui gli attacchi degli insetti raggiungono un picco, in modo tale che non possano nuocere agli insetti benefici ai campi. Un metodo “luminoso” che viene alla riscossa degli agricoltori che ricercano delle soluzioni semplici, economiche ed ecologiche.
Fonte: Agenda Plus n°297 Maggio 2018
 

• Tergivetri (o tergi cristalli) ed acqua piovana

Chaque année, les européens puisent 6 milliards de litres d’eau… rien que pour Ogni anno, gli europei consumano 6 miliardi di litri d’acqua… solo per alimentare i tergivetri delle loro auto. Una quantità astronomica che ha inspirato un’invenzione assai geniale di Daniel e Lara, due bambini tedeschi. La loro idea? Alimentare i serbatoi dei tergivetri con un semplice sistema che raccoglie l’acqua piovana. Spiegazioni: mentre viaggiavano nella macchina dei loro genitori, il padre volle pulire il parabrezza dopo una forte pioggia ma il serbatoio dell’acqua era vuoto… una situazione aberrante che ha immediatamente inspirato i due bambini: perché nessuno ha mai pensato di inventare un serbatoio che si riempisse ad ogni pioggia? Il progetto fu lanciato! Da quell’episodio il fratello e la sorella hanno vinto un concorso di scienze in Germania e soprattutto la loro invenzione è giunta alle orecchie del produttore Ford che ha voluto testare l’idea su uno dei loro modelli. In seguito a questa prima esperienza, il costruttore sarebbe approdato ugualmente su altri metodi per recuperare l’acqua della pioggia ma anche l’umidità presente a bordo del veicolo. 
Fonte: Agenda Plus n°297 Maggio 2018
 

• Bus a biogas

A Stoccolma in Svezia, più di 1/3 degli autobus viaggiano col biogas grazie… alle deiezioni umane! Il paese si sposta quindi in una nuova direzione, poiché oltre a far camminare gli autobus senza energia fossile, impiega i fanghi d’evaporazione, spesso problematici per il loro stoccaggio. In un consueto processo, questi fanghi d’epurazione sono effettivamente scartati. In Svezia, invece, sono messi a fermentare tanto da liberare metano. Questo metano viene utilizzato per alimentare il 36% dei bus della città. Ecco un esempio che, ci auguriamo, potrebbe avere seguito, poiché, anche se una fabbrica di metano ha un costo, la materia prima, lei, è inesauribile e gratuita.
Fonte : Agenda Plus n°297 Maggio 2018
 

• Viva il plogging

Se passeggiamo a Stoccolma potremmo vedere delle persone in tuta sportiva correre e abbassarsi, in tutti i sensi, con un sacchetto dell’immondizia in mano. Innanzitutto non preoccupiamoci. In effetti la Svezia ha inventato una nuova disciplina sportiva che annovera sempre più adepti entusiasti. Il suo nome? Plogging.
Il suo principio? Fare la propria corsa sportiva raccogliendo la spazzatura che si trova sul proprio passaggio! Un corpo sano in un ambiente sano….a quando il plogging in Francia? Altrove?
Fonte: Agenda Plus Avril 2018 n° 296
 

• Tolgono il loro velo in pubblico

In un paese dove l’uso del velo è reso obbligatorio dalle autorità, toglierselo è un potente segno di contestazione.
Ora, sempre più donne iraniane hanno deciso di fare questo gesto tanto coraggioso quanto simbolico appendendo il loro velo in cima ad un bastone per alzarlo fieramente al cielo. Immagini forti ed una scommessa rischiosa che portano un vento di libertà e di rivolta femminile.
Solidale, pacifico e temerario, questo nuovo movimento, con ogni probabilità, è solo ai suoi esordi.
Fonte: Agenda Plus Avril 2018 n° 296
 

• In caduta libera negli Stati Uniti

Simboli degli alimenti spazzatura, le bevande gassate e zuccherate e quelle in formato XXL sarebbero sempre più snobbate dagli americani. La loro consumazione avrebbe persino raggiunto il livello più basso degli ultimi 30 anni.
Se dobbiamo credere al New York Times, la prevenzione messa in atto in questi ultimi decenni porterebbe infine i suoi frutti. Secondo il giornale americano si tratterebbe del “più grande cambiamento nel regime alimentare americano dell’ultimo decennio”. Nello stesso tempo, uno studio annuncia che la vendita d’acqua soppianta oramai quella delle bevande gassate. 
Fonte: Agenda Plus Avril 2018 n° 296
 

• Dopo i “caffè sospesi”, le “notti sospese”

A Lione, mentre i centri d’accoglienza sono presi d’assalto, l’associazione “l’ouvre-porte” propone di
affrontare questo problema mediante il concetto “notti sospese”. Il principio si ispira alla pratica dei “caffè sospesi” dove ogni persona che acquista un caffè può offrirne uno ad un bisognoso pagando il doppio. Per le notti sospese il criterio è lo stesso: chi alloggia all’Alter Hostel di Lione (ostello “eco-friendly”) può decidere di pagare un po’ di più così da versare una quota per offrire una o più notti a persone senzatetto.
Informazioni su: louvreporteblog.wordpress.com
Fonte: Agenda Plus Avril 2018 n° 296
 

• Un collegamento molto interessante sulla vaccinazione

“Una donna coraggiosa che merita di essere sostenuta” – AG.
Hélène Delafaurie, che si interessa ai vaccini da molto tempo per denunciarne la pericolosità, ha deciso di prendere il toro per le corna dal momento che Madame Buzyn non vuole rispondere né ad alcuna valida sollecitazione né agli avvocati che si sono nominati parte civile rimettendola ai tribunali.  
Hélène ha deciso di proporsi come cavia umana per smascherare la presunta «non-tossicità» dei vaccini, e questo, in compagnia di Madame Buzyn che non dovrebbe affatto rifiutare visto che, secondo il ministro, i vaccini in generale e gli adiuvanti – soprattutto, quelli senza i sali di alluminio – sono privi di rischio per un bambino di 2 mesi.
Hélène propone che il Dr. Fisher, i 200 medici che hanno firmato il manifesto a beneficio dei vaccini, così come i deputati e i senatori che hanno votato la legge a favore di Madame Mme Buzyn, non dovrebbero opporsi dato che sono stati del tutto garantiti per il benessere pubblico.
Gli assenti, invece, avrebbero forse il timore di mostrare che erano contro l'obbligo vaccinale?
Tutti coloro che si schierano a favore dei vaccini sono invitati ad unirsi a questa seduta di vaccinazione collettiva, la cui procedura, resta ancora da definire.
Comunque, dare l'esempio, non sarà il modo migliore per fare ritrovare la fiducia dei Francesi nei vaccini?
Hélène propone che venga iniettata a lei e a tutte queste persone intrepide la dose di alluminio destinata ad un bimbo ma riportata alla misura di un individuo adulto, ovvero 43 volte la dose tossica adulta.
Sito: https://medecines-bizarres.com/

 

• Poulehouse

“Abbiamo appena scoperto una nuova marca di uova : Poule house.
Abitualmente le galline ovaiole sono abbattute all'età di 18 mesi perchè diventano meno produttrici (allorché potrebbero vivere 10 anni). Non è il top per i vegetariani. Ecco la buona notizia: una società ha appena deciso di costruire un pensionato per le galline. Incoraggiamoli! Le troverete nei negozi bio. Chiedetele!” — Anne e Antoine
https://www.poulehouse.fr
 

• Peyo, il cavallo dal cuore

Una bellissima collaborazione tra il popolo animale e il mondo degli umani. — AG.
Qualche giorno prima di Natale, i pazienti dell’Ehpad-USLD (struttura di accoglienza per persone anziane non autonome – Unità di cura a lunga degenza) hanno ricevuto la visita di un cavallo.
Peyo, stallone di 13 anni, e il suo proprietario Hassen Bouchakour si trovavano nell’istituto di  Vergers della Certosa di Dijon. Un cavallo che prende l’ascensore, che entra nelle camere dei malati è già qualcosa di eccezionale, ma Peyo porta molto di più a tutti i pazienti che lo incontrano. Questo cavallo, dotato d’un senso straordinario, è oggetto di uno studio scientifico. Le telecamere di Equideo hanno ripreso questi momenti straordinari: ecco la prima parte del reportage “Peyo, cavallo dal cuore”.
Vedere il video

 

• Un nuovo sito per Lune-Soleil

“Antoine ed io abbiamo il piacere di annunciarvi la nascita del sito del centro Lune Soleil. Un luogo che molti di voi conoscono e dove hanno vissuto profonde esperienze…
Se volete saperne di più sul luogo e scoprirne la funzione, ascoltate la conferenza d’Alain Balasse, che ne fa un’analisi molto precisa. Vi terremo al corrente delle tappe principali concernenti l’evoluzione di questo punto di Luce che è anche il vostro.
Calorosamente a tutti e a tutte.” — Anne et Antoine.
centrelunesoleil.fr/index.html
 

• Fairphone : lo smartphone etico V2.0 è arrivato!

E’difficile stare in pace con lo smartphone quando si hanno valori eco-umanistici. Tutti i grandi marchi hanno un ruolo importante nel sistema fondato sulla schiavitù moderna o nell’inquinamento. Una piccola cooperativa vuole cambiare questo. Ha già prodotto la seconda versione del loro telefono equo etico.
« Fairphone » (telefono giusto) è un’ idea sviluppata da una cooperativa olandese al procedimento lavorativo equo. Promuove l’idea di un telefono creato dalla A alla Z per essere in accordo con valori sociali ed ecologici. Il gruppo riscuote un grande successo che le permetterà velocemente di proseguire il procedimento cominciato. Con l’avvento del Fairphone 2, la giovane squadra vuole rispondere ad esigenze di trasparenza sempre maggiori e creare nuovi dispositivi per misurare il suo impatto sociale ed ambientale.
http://www.fairphone.com/it/
 

• Djokovic apre un ristorante gratuito per i senzatetto

Novak Djokovic aprirà presto il suo terzo ristorante in Serbia, suo paese natale. Il locale proporrà dei pasti gratuiti per i senzatetto e i diseredati! Con questo ristorante, la star del tennis desidera ringraziare il popolo serbo. «Il denaro non è un problema per me. Ho guadagnato abbastanza soldi per nutrire tutta la Serbia. Penso che il popolo serbo se lo meriti dopo tutto il sostegno che mi ha dato» ha dichiarato alla rivista “The Sun”.
«Il cibo è una mia passione. Tra tutte le cose che ho sperimentato nella vita, il cibo è quella che mi ha cambiato. Vorrei condividere questo rapporto con il mondo» ha spiegato il tennista di 30 anni. Nel 2009, aveva aperto il suo primo ristorante chiamato « Novak » a Belgrado e nel 2016 « l’Eqvita » il suo ristorante vegano.
 

• Verdure gratuite e il biologico al prezzo di costo

Ispirato dalla permacoltura e lanciato nel gennaio del 2016 su un terreno di 4.000 m2, l'orto collettivo di Châteaufort-en-Yvelines, in Francia, ha avuto un successo sfolgorante. E, 108 famiglie della comunità vi si sono già unite e i risultati sono spettacolari. Oltre a condividere il raccolto, queste 108 famiglie hanno anche il diritto di acquistare nello spaccio dell'associazione. Una rivendita biologica dove è possibile comprare (a prezzo di costo) i prodotti provenienti da 32 venditori locali. L'unica condizione per accedere a queste verdure gratuite e a questo negozio economico: impiegare un pò del proprio tempo nell'orto o nella gestione del magazzino (2h/settimana). Una piccolezza per quanto riguarda i profitti che si possono trarre: un'alimentazione sana ed a buon mercato alla quale di aggiunge la soddisfazione di lavorare insieme, al benessere collettivo. Basato sulla cooperazione, la gratuità e il rispetto della terra, questo nuovo modo di produrre e consumare presenta unicamente dei vantaggi e ricrea i legami tra gli uomini garantendo loro una nutrizione salutare... Un'idea brillante che, speriamo, si diffonderà un po' ovunque!
Fonte : Positivr nov. 2017 n° 293
 

• Bottiglia 100% vegetale, 100% biodegradabile e 100% compostabile

Quando si conoscono bene le devastazioni causate dalle bottiglie in plastica, il merito sta proprio nel riconoscere che questa invenzione francese potrebbe essere davvero rivoluzionaria. Un'azienda di Charente-Maritime ha, infatti, prodotto una bottiglia 100% vegetale, 100% biodegradabile e 100% compostabile! L'azienda Lys Packaging potrebbe stare, infatti, per siglare la definitiva scomparsa della bottiglia in plastica. Grazie ad una procedura segreta, alcuni scarti della canna da zucchero, di noccioli delle olive, di raspi o semi dell'uva si trasformano in bottiglia! Un'invenzione spettacolare da seguire molto da vicino. – © Foto Libé.
 

• Un villaggio giapponese con zero rifiuti

Nel 2003, il borgo nipponico di Kamikatsu, ha lanciato la sfida di non produrre più alcun rifiuto entro il 2020. Oggi, oltre l'80% del materiale di questa spazzatura è riciclato. Questo approccio ispiratore, ha ormai oltrepassato i confini del villaggio, diffondendosi in tutto l'arcipelago. Per realizzare tale obiettivo, i residenti ordinano i loro rifiuti in... 45 categorie: un record! Plastica, bottiglie, capsule, imballaggi e giornali. Ma anche, scatole in alluminio, lattine, cartoni, volantini, etichette, tessuti, accendini ecc... Gli abitanti del villaggio portano loro stessi i propri rifiuti al centro di riciclaggio della città, aperto ogni mattina, week-end compresi. In breve, a Kamikatsu, catalogare è diventato un gesto naturale.
Dopo l'azione di Kamikatsu, altre tre città giapponesi si sono impegnate nel seguire buone pratiche comuni (privilegiare il cibo locale, incentivare la vendita all'ingrosso e fare attività di sensibilizzazione) in maniera da non produrre più nessun tipo di rifiuto in futuro. Sull'isola principale di Honshu, nel villaggio di Ikaruga famoso per i suoi templi buddisti inclusi nel patrimonio mondiale dell'Unesco, è stata annunciata la stessa iniziativa. In parallelo, più di 60 paesi giapponesi si sono uniti alla rete di città in via di trasformazione.
 

• La prima automobile elettrica e biodegradabile

Una notizia che porta una ventata di speranza nel dominio dell’industria automobilistica: è nata la prima automobile elettrica e biodegradabile! LINA, il suo nome, può essere completamente riciclata ed è concava con degli elementi fabbricati partendo da fibre di lino. Questo importante progresso nel mondo dell’ecologia lo dobbiamo a studenti olandesi dell’università di Eindhoven. Non ci resta che augurarci che i responsabili politici sostengano l’iniziativa di LINA, affinché possiamo tutti fare la scelta di limitare il nostro impatto ambientale con delle autovetture praticamente neutre.
Fonte: Agenda Plus n° 291 – Ott. 2017
 

• Trasporti in comune gratuiti per tutti!

È ormai ufficiale: dal 1°settembre 2017 è possibile prendere in prestito l'autobus nell'agglomerazione dalla città di Niort, senza sborsare nulla e legalmente. Anche se la città di Dunkerque ha annunciato di avviare l’iniziativa da settembre 2018, la città di Niort e la sua periferia è stata più rapida; più di cento autobus gratuiti percorrono ormai le 7 linee urbane e le 12 linee periferiche di questo vasto territorio, tra città e campagna, che contano 45 comuni e 120.000 abitanti. Questo fa di Niort la più grande agglomerazione al mondo che propone dei trasporti in comune gratuiti.
Fonte: Agenda Plus n° 291 – Ott. 2017
 

• Il Solpad

Il Solpad non è solo un pannello fotovoltaico portatile come non ne esistono altri, ma è una vera batteria solare mobile. Una volta caricata (direttamente dal sole in 10 ore), rilascia 1.000 watt di continuo e può alimentare tutti i dispositivi elettronici della casa, ricaricare 60 volte il vostro cellulare e servire da illuminazione per 6 ore.
E, in più, parla, fornendo soprattutto indicazioni sull'energia disponibile e preziose informazioni per orientare il sensore in modo ottimale così da raccogliere il massimo dell'energia solare. E, mentre il sole brilla, Solpad Mobile si ricarica! La stazione può anche "fare il pieno" con una presa elettrica domestica o al contrario re-introdurre l'elettricità prodotta! (€ 1310 - solpad.com).
Fonte : WE DEMAIN n°18
 

• Un'invenzione geniale

Una collegiale americana di origine indiana, Maanasa Mendu, è stata inserita nella più prestigiosa lista dei migliori giovani inventori che la rivista «Forbes» stabilisce ogni anno. Per cosa ha meritato un onore così precoce? Un'invenzione che potrebbe rivoluzionare il settore dell'energia domestica e rinnovabile. A 13 anni ha inventato un sistema che, per 5 dollari, trasforma il sole, il vento e la pioggia in elettricità ! Chiamata «Harvest» (raccolto), il suo apparecchio molto semplice funziona grazie alla piezoelettricità (la produzione di tensione elettrica in seguito ad una deformazione meccanica) ed è in grado di trasformare le vibrazioni del vento in energia… Sbalordita da questo apparecchio così rudimentale quanto spettacolare, la giuria del concorso «Discovery Education 3M» ha offerto 25.000 dollari e proposto l'affiancamento di professionisti per perfezionare il sistema. Risultato: oltre alle sue capacità iniziali «Harvest» è capace adesso, grazie all'impiego di fogli speciali, di trasformare anche il sole e la pioggia in elettricità... Un'invenzione da seguire!
Fonte : Agenda Plus – Agosto 2017 n° 289.
 

• Basta!

Da maggio, una decisione organizzativa vieta la riproduzione di orche e di delfini in cattività così come gli scambi tra bacini e altri delfinari. Questo significa che verrà messa una fine  alla detenzione dei cetacei in Francia.
Fonte: culture(s) bio n°94.
 

 

• Grenoble: la prima città d'Europa senza cartelloni pubblicitari

Grenoble è la prima città europea ad aver completamente vietato i cartelloni pubblicitari. Questi sono stati sostituiti da annunci specifici per la città e anche da alberi. Sebbene la città perda circa e 542.000 € di introiti, il sindaco ecologista Eric Piolle, dichiara: «Il Comune fa la scelta di liberare lo spazio pubblico della pubblicità a Grenoble in maniera da sviluppare dei luoghi di espressione pubblica». Un'iniziativa a cui dare il benvenuto!
Fonte : Agenda Plus – Sett. 2017 n° 290.
 

• Medicine complementari riconosciute e.... rimborsate!

I cittadini svizzeri rivendicavano da anni il rimborso dall'assicurazione sanitaria obbligatoria delle prestazioni mediche della " medicina complementare". Dal primo agosto, la questione è stata risolta per quanto riguarda la medicina antroposofica, l'omeopatia classica, la medicina tradizionale cinese e la fitoterapia (quando questi metodi sono applicati da medici accademici che hanno una formazione complementare riconosciuta dalla Federazione dei medici svizzeri). Il governo svizzero riconosce così, a tale proposito, che  queste medicine non convenzionali vanno a colmare i requisiti di legge in materia di  efficacia, di garanzia di un'alta qualità e di sicurezza. Speriamo che questa decisione venga seguita da altri in Europa.
Fonte : Agenda Plus – Sett. 2017 n° 290
 

• Prima piscina pubblica bio in Belgio

Se il colore differisce dalle piscine tradizionali, l'acqua di questa piscina ecologica situata a Dour (Hainaut) è molto meglio per la salute e l'ambiente. La ragione? Nessuno prodotto chimico ed un sistema fitodepurativo delle acque naturale al 100%: iris e canne piuttosto che cloro ed altri prodotti. Ciliegina sulla torta, una vasca d'immersione è stata inaugurata a metà giugno. La prima in Europa!
 Fonte : Agenda Plus – Agosto 2017 n° 289
 

• Turbine idriche giganti

 E' un primato mondiale. Il progetto francese per la creazione di un sito di turbine idriche collegato alla rete nazionale di distribuzione dell'elettricità si finalizzerà nel 2019. Le 4 turbine idrauliche al largo di Ploubazlanec e dell'isola di Bréhat (Côtes d’Armor in Bretagna), con un picco di un potere unitario di 0,5 Megawatt, alimenteranno in elettricità  3000 alloggi. Il principio dell'energia idrica è simile a quello delle centrali idrauliche, tuttavia, sono le correnti marine che fanno girare le turbine idriche che funzionano nei due sensi della marea. Queste 4 turbine idriche, composte da turbine dal peso di 850 tonnellate e che sono fissate ad una struttura impiantata a 40 m di profondità, sono le più potenti mai installate nell'oceano (2 MW).  È anche la prima volta che delle turbine idriche sono agganciate ad una rete nazionale di distribuzione dell'elettricità. 
Secondo EDF, il potenziale idrico francese è valutato tra 2000 e 3000 MW, ciò che rappresenta il 20% del potenziale europeo. Oltre a fornire una produzione di energia rinnovabile e non inquinante, questa tecnologia potrebbe rivelarsi essere un settore economico molto importante nei prossimi anni.
Fonte : Agenda Plus – Agosto 2017 n° 289
 

• Li Ching Yuen, l’uomo di 256 anni
rivela i segreti della sua longevità

Sì, non è un mito ne' una storia di fantasia, quest’uomo ha vissuto ben 256 anni ed era medico, farmacista ed erborista di medicina cinese tradizionale. Secondo un articolo del New York Times apparso nel 1930, il professore Wu Chung Chieh dell’università di Chengdu, ha scoperto dei manoscritti del governo imperiale cinese datato 1827 che si congratulava con Li Ching per il suo 150esimo compleanno ed altri documenti attestavano che ha festeggiato anche il suo 200esimo compleanno nel 1877. Un corrispondente del New York Times ha affermato nel 1928, che più persone originarie del quartiere di Li Ching Yuen hanno dichiarato che i loro bisnonni conoscevano Li Ching quando era ancora piccolo, e all’epoca era già un adulto.
Leggere l articolo completo (in francese)
 

• Fairphone : è arrivato lo smartphone etico V2.0!

Difficile essere in pace con il proprio smartphone quando si hanno valori eco-umanistici. Tutte le grandi marche hanno un ruolo nello schiavismo moderno o nell'inquinamento. Una piccola cooperativa vuole cambiare questo. Sono già alla seconda versione del loro telefono equo.
« Fairphone » (telefono giusto) è un'idea sviluppata da una cooperativa olandese di commercio equo. Lancia l'idea di un telefono concepito dalla A alla Z per essere in accordo con valori sociali ed ecologici. Il gruppo incontra un successo che rapidamente gli permette di seguire il processo intrapreso. Con l'annuncio di Fairphone 2, la giovane équipe vuole rispondere a esigenze di trasparenza sempre più elevate e promuovere nuovi dispositivi per misurare il loro impatto sociale e ambientale.
Leggere l 'articolo completo
 

• Euro BICI3

Per i ciclisti ambiziosi, appassionati di bicicletta e di piccole spedizioni, un nuovo itinerario si appresta a vedere il giorno! Congiungerà Trondhiem in Norvegia con Saint-Jacques de Compostelle in Spagna.
Il suo nome? Euro bici3 che permetterà di scoprire, su 5000 km,  l’Europa dell’Ovest.
EuroBici è un progetto di rete europea di percorsi ciclistici intrapreso dalla Fondazione europea dei ciclisti. Lo scopo? Elaborare un itinerario al 100% ciclabile attraverso l’Europa. Da qui al 2020, il progetto conterrà 15 itinerari a lunga distanza che solcheranno le regioni europee passando per 43 paesi su un percorso di 75.000 Km.
Fonte : Agenda Plus n° 287 Maggio 2017
 

• Ciò che uno sciamano vede in un ospedale psichiatrico

Secondo la visione sciamanica, le malattie mentali stanno ad indicare “la nascita di un guaritore”, spiega Patrice Malidoma Somé.
In quest’ottica, bisogna considerare i disturbi mentali come delle urgenze e delle crisi spirituali per aiutare il guaritore dal momento della sua nascita. Ciò che è recepito come “una malattia mentale” in Occidente è considerato dal popolo di Dagara come “buone notizie dall’altro mondo”.
Leggere l’intero articolo su espritsciencemetaphysiques
 

• Sapete coltivare in casa?

Il nuovissimo sito internet  “sapete coltivare in casa” è appena stato messo in rete per favorire, nel miglior modo possibile, gli scambi fra i proprietari di giardino che non hanno né il tempo né la voglia di coltivarlo e coloro che non hanno giardino ma che vorrebbero coltivare un orto. 
Il principio è che il proprietario offre un pezzo del suo giardino in cambio di parte del raccolto. E' uno scambio vantaggioso per tutti e facile da realizzare, aperto a tutti. Allo stesso modo permette di creare dei rapporti sociali e di lottare contro l'isolamento di alcune persone anziane. Il progetto  è già operativo in Francia e il nuovo sito – interamente gratuito – è pronto per il Belgio.
Tutte le info: plantezcheznous.com
Fonte:  Agenda Plus Mai 2017 n°287
 

• Un cemento a base di oggetti riciclati

Da un lato la produzione attuale del cemento altamente inquinante e dall'altra il consumo eccessivo che genera rifiuti che invadono il nostro ambiente. Per affrontare questo grave problema, un Maliano ha avuto la geniale idea per risolvere i due i problemi in un colpo solo: ha inventato una specie di cemento meno inquinante... e composto, essenzialmente, da rifiuti.
Moussa Thiam, dottorando all'Università di Ottawa (Canada), ha effettivamente sviluppato un nuovo materiale che potrà permettere al suo paese d'origine di cementificare le sue strade a un costo più ridotto e, nello stesso tempo, di liberarlo dai rifiuti che ingombrano il suo territorio. Un'idea, speriamo, che venga copiata!
Fonte:  Agenda Plus Mai 2017 n°287
 

• Il fungo, materiale del futuro?

Grazie ad una start-up americana, potremmo tutti, molto presto, esibire con orgoglio scarpe in cuoio da.... fungo!
Avendo qualità pressoché identiche al cuoio animale, sia per l'apparenza che per la solidità, questa nuova materia è stata elaborata dall'impresa californiana MycoWorks. Il cuoio da fungo è flessibile, resistente, duraturo e impermeabile proprio come il vero cuoio. Le uniche differenze sono: l'origine del prodotto che non si basa sullo sfruttamento e la decimazione animale, un'emissione di carbonio che sfiora lo zero e il costo di produzione molto basso.
Sostenuto dalle università americane di Stanford, Berkeley e Columbia, il progetto MycoWorks è già stato accolto con molto entusiasmo oltre Atlantico. Ben lungi dal limitarsi al cuoio, l'impresa è fiduciosa di fare del micelio la materia del futuro. Sia che si tratti d'abbigliamento, di edilizia, di coibentazione o di componenti elettroniche, i creatori della start-up lavorano attivamente per sfruttare appieno tutte le potenzialità che il fungo consente. Sono riusciti fin d'ora a trasformare il micelio in un mattone solido, più resistente agli urti del mattone in pietra, capace di spegnersi autonomamente in caso d'incendio ma, allo stesso tempo, di galleggiare nell'acqua…
Fonte: Agenda Plus Mai 2017 n°287
 

‪• Il Prof. Franco Berrino:
ecco i veleni che mangiamo quotidianamente‬

Il Prof. Franco Berrino, medico chirurgo, patologo, epidemiologo, ex direttore delDipartimento di Medicina Preventiva presso l'istituto Nazionale dei Tumori di Milano, fondatore dell'associazione "La Grande Via" scrittore di vari libri trai quali: alimentare il benessere, come prevenire il cancro – il cibo dell'uomo – il potere del cibo – processo alla carne.
Tiene conferenze e seminari in tutta Italia insegnando alle persone come curarsi e mantenersi in salute con l'alimentazione sana, la meditazione e lo yoga.

 

• Avencod punta tutto sugli autisti affetti da sindrome di Asperger

Scommessa vincente.
Talvolta la nozione di handicap è relativa. La dimostrazione è questa impresa francese che si assicura delle eccellenti prestazioni assumendo degli autisti affetti da sindrome di Asperger. Una scommessa originale e sfrontata ma pagante!
Specializzata nell'informatica, la società Avencod esiste da un anno. La sua particolarità? Vedere delle capacità notevoli là dove gli altri vedono solamente l' handicap. Il suo slogan?:
 "La natura crea delle differenze, Avencod in effetti dei talenti."
Leggere l'articolo completo su Positivr in francese
 

• Kenguru:
la vettura concepita per i conducenti su sedia a rotelle

Ideale per la città, questa piccola vettura elettrica permette di circolare senza la minima difficoltà. La dimostrazione con questo video sorprendente.
Da Axel Leclercq - 27 avril 2017
Vedere il video su positivr.fr/kenguru-voiture-fauteuil-roulant/


 

• Corsi in un quadro meraviglioso del Trentino

Vengono organizzati dei corsi di orto giardino terapico
e corsi di agricoltura biodinamica a Villa di Campo (TN).
L'orto rappresenta un importante approvvigionamento di cibo e un sostegno all'economia. Pertanto è bene imparare a gestirlo in modo sano, naturale e in particolare con il metodo agricolo biodinamico che consente di rispettare le forze naturali e le forze spirituali dell’essere umano. Impareremo attraverso lezioni pratiche e teoriche a lavorare il suolo, seminare, trapiantare, consociare e utilizzare i preparati biodinamici per la salute delle piante e la fertilità della terra. Inoltre impareremo a difendere il nostro orto con tisane, decotti, infusi ed oli essenziali. Metteremo a confronto anche le tecniche per la conduzione di un orto razionale e dell'orto sinergico biodinamico per meglio capire quale sistema è più adatto al proprio contesto.
Vedere il sito www.villadicampo.it

 

• Buone notizie sul fronte dei vaccini!

Il Consiglio di Stato ha potuto essere bloccato dopo il successo della petizione sul vaccino DTP (difterite, tetano, poliomielite) condotta dal Pr. Joyeux (fotografia allegata sotto) e l'IPSN (Istituto per la Protezione della Salute Naturale). Ancora grazie a tutti per aver firmato questa richiesta.
E, ieri con ragione, il Consiglio di Stato ritrattava la sua decisione: tenetevi forte il Consiglio di Stato ha fatto sapere al Governo « di assicurare la disponibilità dei soli vaccini obbligatori » senza che questi siano automaticamente associati ad altri vaccini facoltativi...
Leggere l'articolo completo su Le Monde
  

• Normandia: In 2 anni, 30 % di nuovi agricoltori biologici

Fino al 2016, la Normandia contava 1.500 aziende agricole biologiche. Esse erano 543 dieci anni fa. La crescita riguarda tutti i tipi di produzione. L’Eure e la Senna Marittima sono in ritardo..
« Il telefono squilla ogni giorno. I nostri cinque consulenti non riescono a rispondere a tutti gli agricoltori che desiderano passare al biologico… » A tal punto che, Mickaël Marie il direttore di AgroBio  della Bassa Normandia, considera ora di « calcolare » la fornitura di servizi.
 Riuniti ieri a Rouen, i rappresentanti di Inter Bio Normandia, AgroBio Bassa Normandia e Grab Alta Normandia (queste tre strutture si sono unite quest'anno) hanno citato l'aumento del 70% delle zone che stanno attuando il cambiamento (1).

Fino al 2016, nella regione si contavano 1.500 aziende agricole biologiche, contro le 543 dei dieci anni precedenti. Eccetto gli ultimi due anni, questo rappresenta il 30% di nuovi agricoltori. In particolare, degli allevatori di latte ricercano un costo redditizio. « La raccolta biologica del latte nella ex Bassa Normandia è aumentata del 20 % nel 2015, contro il 5 % di quella del latte tradizionale », è stato precisato alla Camera dell'Agricoltura Regionale, co-realizzatrice dell'Osservatorio Normanno dell'Agricoltura Biologica. Ma, « la consumazione già aumenta del 15 % nel 2015, sarà ancora maggiore nel 2016 ».

La totalità dell'articolo nell'edizione Ouest-France di venerdì 3 febbraio 2017, a tiratura digitale.

(1) Secondo l'Osservatorio Normanno dell'Agricoltura Biologica, edizione 2016, presentata ieri a Rouen.
Fonte: Ouest-France del 3.02.2017
 – Immagine : lamanchelibre.fr
 

• Il metodo Pocheco

La splendida riuscita di un'industria che ha deciso di prendersi cura dei suoi dipendenti e dell'ambiente creando posti di lavoro.
In questo momento dove il « costo del lavoro » dovrebbe essere ridotto, la salute dei dipendenti è trascurata e le « condizioni » ecologiche ostacolate, Pocheco un'industriale del Nord delle Piccole e Medie Imprese (PME), intraprende una direzione contro corrente : quello di un'economia che posiziona l'ecologia, la parte umana e gli investimenti prima dei profitti e dei guadagni. La fabbrica di produzione di buste è diventata un modello di innovazione. I prodotti chimici nocivi sono scomparsi dalle officine, la gerarchia si è alleggerita, gli edifici sono stati ristrutturati. Risultato: l'azienda prosegue bene e diversifica le proprie attività, sia per il futuro che per preservare i suoi posti di lavoro. Qui, nessuna traccia di responsabili tecnici opprimenti, e neppure di delocalizzazione o di gara sfrenata alla redditività.
Fonte: bonnes-nouvelles.be – Riferimento foto : novethic.fr
 

• L’ampliamento dell’aeroporto di Vienna
vietato in nome del clima

E’ una prima mondiale ! In Austria, la giustizia vieta la creazione di una terza pista nell’aeroporto di Vienna. La ragione ? L’impatto sul clima e la distruzione di terreni agricoli.

La notizia ha di che mandare in estasi tutti gli oppositori dei grandi progetti inutili - e le persone interessate al futuro del pianeta. In Austria, la giustizia ha vietato l’ampliamento dell’aeroporto di Vienna in nome della tutela del clima. Con una sentenza resa pubblica il 9 febbraio, il tribunale amministrativo federale della capitale austriaca ha ritenuto che “l’interesse pubblico legato alla tutela  contro gli effetti negativi del cambiamento climatico, dovuti in modo particolare alle emissioni di CO2, è superiore agli interessi pubblici positivi previsti dalla realizzazione del progetto” (testo della sentenza, in tedesco). In altre parole, la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra  prevale sulle presunte conseguenze economiche del progetto.

I giudici asseriscono che gli obiettivi austriaci di lotta al riscaldamento climatico  sono incompatibili con la realizzazione di una terza pista nell’aeroporto di Vienna-Schwechat. Le perizie da loro ordinate hanno valutato in un 2 % l’aumento delle emissioni di gas a effetto serra imputabili ai trasporti in Austria se il progetto fosse andato in porto.

La terza motivazione avanzata dai magistrati viennesi concerne il futuro dei terreni coltivabili, in un paese che tiene molto all’agricoltura tradizionale. “Preservare fertili terre, coltivabili per l’alimentazione delle future generazioni, è anch’essa un’urgenza che si impone” scrivono. Il progetto minacciava di distruggere  760 ettari di terra, secondo la rivista viennese Augustin.

Sostenitori e oppositori concordano nel dire che questa decisione è una prima mondiale. La stampa di lingua tedesca ricorda che le precedenti denunce di questo tipo, nel mondo, sono state sistematicamente rigettate.  I membri del collettivo cittadino all’origine della denuncia hanno reso omaggio alla decisione del tribunale, che “ha trovato il coraggio di fermare il progetto malgrado l’enorme pressione politica”.
Fonte:  bonnes-nouvelles.be
 

• Una città dell'Eure adotta un trasporto scolastico 100% ecologico

Una collettività della Normandia, situata a sud di Rouen, è la prima in Francia a finanziare dei ciclo-bus scolastici che permettono a una trentina di bambini della scuola primaria, di andare a scuola e di tornare a casa, pedalando, senza inquinare.
I tragitti, di poco inferiori a 4 km, su questi quadricicli assistiti elettricamente, hanno debuttato al rientro a scuola dopo le feste di fine anno, nella città di Louviers (Eure). Sono divisi in 3 ciclo-bus da una decina di posti e circolano su 3 differenti percorsi: gli allievi della scuola Anatole France, provenienti da classi che vanno da CP a CM2, pedalano da subito con entusiasmo.
Equipaggiati con un casco blu e un gilet giallo fluo, raggiungono la velocità di 15 km/h.
Questa esperienza era stata provata per più di 2 anni da 2 scuole di Rouen.
È stata resa pubblica sui media fino in Corea del Sud, ma la città di Rouen e la metropoli non hanno aderito al progetto.
I 3 giovani promotori di questo nuovo mezzo di trasporto, ognuno dei quali conduce un veicolo, non si sono scoraggiati e sono andati a proporlo altrove.
A sud della metropoli della Normandia, la Comunità di agglomerazione Seine-Eure(CASE, 37 comuni di cui Louvriers) ha allora preso la palla al balzo.
Labellisée Territoire ha energia positiva per la crescita verde dal ministero dell'Ambiente, la CASE ha utilizzato una parte della sua sovvenzione di Stato per finanziare l'esperienza.
Una prima in Francia.
Fonte:  Econews Janv. 2017 – Foto Sciences & Avenir

 

• La Cina proibisce il commercio di avorio

Il 2017 sarà decisivo nella lotta contro il bracconaggio degli elefanti dell'Africa? Il governo cinese ha annunciato che vuole mettere un termine al commercio e alla trasformazione dell'avorio da qui alla fine dell'anno: abbiamo qualche buona ragione per sperarlo.
Sebbene Pechino sia firmatario della Cites (convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate) che proibisce ogni forma di commercio internazionale per la difesa degli elefanti, la Cina rimane il primo consumatore mondiale di avorio di contrabbando.
Circa 30.000 elefanti africani sono abbattuti ogni anno per alimentare un traffico illegale di avorio, dovuto alla domanda asiatica.
Il 30 Dicembre scorso, la Cina ha fatto sapere che avrebbe fermato poco a poco la vendita e la trasformazione dell'avorio a fini commerciali da qui alla fine del 2017, sperando così di contribuire a lottare contro il bracconaggio degli elefanti africani.
Dalla fine del mese di marzo, una prima onda di ateliers e di venditori dovranno terminare le loro attività. La chiusura degli altri commerci dovrà seguire.
Fonte :  Econews Janv. 2017 – Foto le Monde
 

• Materna, ai piccoli s'insegna la meditazione
per stimolare la fantasia

Una nuova e rilassante esperienza per la scuola materna De Gasperi di Pontedera e le scuole elementari di Montecalvoli e Marti...

Leggere l'articolo completo

 

• La guerra di Linky avrà luogo?

Malgrado le ripetute assicurazioni da parte di ERDF e delle autorità pubbliche, alcune associazioni, coadiuvate dai media e dalle reti sociali, denunciano da mesi gli effetti potenzialmenti nocivi di Linky sulla salute dei francesi, addirittura sulla loro sicurezza. Per il momento, questi timori non sembrano essere condivisi dalla maggioranza degli utenti interessati.
...ERDF,  aiutata dalla strategia scelta – da una diffusione in tanti piccoli modi, scaglionata nel tempo -. intende trovare le ragioni per convincere i recalcitranti. " Linky non verrà imposto, rassicura J.L. Spaeth, il direttore territoriale dell'Alsazia. L'installazione è sancita dalla legge, ma non la si realizzerà con la forza. Non si passerà all'azione!"
Leggere l'articolo completo: L'Alsace.fr
 

• Shikoba Nabajyotisaikia!

In questa tribù africana, quando qualcuno commette qualcosa di dannoso, portano la persona al centro del villaggio dove l'intera  tribù si raduna e lo circonda. Per due giorni, diranno all'uomo tutte le cose giuste che ha fatto.
La tribù crede che ogni essere umano venga al mondo dotato di bontà. Ciascuno desidera sicurezza, amore, pace e felicità.
Ma talvolta, nel ricercare queste cose, le persone commettono degli errori. La comunità vede questi errori come una richiesta d'aiuto. Quindi si unisce per sollevarlo, per riconnetterlo alla sua vera natura, ricordandogli chi è veramente, finchè si rammenti completamente della verità dalla quale è stato, temporaneamente, sconnesso: “io sono buono”.
Shikoba Nabajyotisaikia!
Nabajyotisaikia! È un complimento utilizzato nell'Africa del sud e centrale: “io vi rispetto”.
 

• Women Wage Peace (Donne per la Pace)

E' successo un grande piccolo miracolo quasi completamente ignorato dai media: migliaia di donne ebree, musulmane e cristiane hanno marciato insieme, in Israele, per la pace.
Nel nuovo video ufficiale del movimento per la pace “Women Wage Peace”, la cantante israeliana Yael Deckelbaum canta la canzone “Prayer of the Mothers” (preghiera delle madri) insieme a donne e madri di tutte le religioni, esempio di come la musica stia cambiando e debba cambiare.
Un atto d'amore, un miracolo al  femminile che vale più di mille parole.
Il sito del movimento: http://womenwagepeace.org.il/en/
 

• La Casa dei Cittadini

Riconoscere tutti quelli e quelle che sono attivi concretamente nel proprio ambiente per il risanamento dei  conflitti del paese (occupazione, educazione, alloggi, sociale etc...). Vogliamo rendere visibile questa Francia che agisce e che è dimenticata. Molto presto, ogni Casa si metterà in moto per sostenere questa o quell'azione d'interesse generale che verrà considerata come la più importante sul territorio. Più di 190 case locali create dopo l'8 settembre 2016 pari a 60.000 Francesi già annoverati nella Casa dei Cittadini, ogni settimana vicino ad un milione di persone che visitano le loro pagine web.
Per maggiori informazioni: consultare il sito « La Maison des Citoyens ».
 

• I pesticidi vietati negli spazi verdi nel 2017
e nei giardini nel 2019

Il 22 luglio 2015, l'Assemblea Nazionale attua la legge di transizione energetica per la crescita verde che prevede la realizzazione dell'obiettivo zero-pesticidi negli interi spazi pubblici ad iniziare dal 1 gennaio 2017: divieto di utilizzo dei prodotti fitosanitari da parte dello Stato, delle collettività locali e delle istituzioni pubbliche per la manutenzione di spazi verdi, sentieri e passeggiate, foreste e strade. La commercializzazione e il possesso di prodotti fitosanitari ad uso non professionale saranno vietati a partire dal 1 gennaio 2019. Questa provvedimento riguarda specialmente i giardinieri amatoriali.
I prodotti di biocontrollo, riconosciuti a basso rischio oppure il cui uso è autorizzato dal quadro di riferimento per l'agricoltura biologica, potranno invece essere utilizzati.
Per maggiori informazioni: consultare il sito: jardinoscopeprat.canalblog.com
 

• Michel Dogna: il foie gras

Per fare pressione, come ogni anno a Natale, i denunciatori di ingozzamento di oche ed anatre hanno manifestato davanti ai grandi ristoranti. Ma questa volta, il risultato della loro azione, è stato diverso da quello degli anni scorsi. La novità è che, Joël Robuchon e Alain Ducasse, hanno detto basta. Non chiamando la polizia, ma pubblicando delle dichiarazioni: uno annunciava l'abbandono del proprio fornitore di foie gras, mentre l'altro l'impegno a verificare le accuse di L214 la piccola associazione animalista che lo ha menzionato per una serie di articoli su codici rurali attuali dove il primo precisa che "qualsiasi animale è un essere sensibile che deve essere posto dal suo proprietario in condizioni compatibili agli imperativi biologici della sua specie”.
Leggere il testo completo su
 

• BP rinuncia a perforare nella grande baia australiana

Il gigante petrolifero britannico BP ha rinunciato, recentemente, al suo progetto controverso di perforare nella Grande Baia australiana, una vittoria, secondo i difensori dell'ambiente, a 6 anni dalla catastrofe ecologica del Golfo del Messico.
L'azienda leader nel settore si augurava di scavare, al largo delle coste dell'Australia meridionale, 4 pozzi  esplorativi in profondità che vanno fino a 2500 metri per sapere se quantità sfruttabili di gas o di petrolio potessero essere estratti; ma il suo progetto è stato parecchie volte respinto dal Nosepma, l'autorità ufficiale australiana competente, in mancanza del rispetto dei criteri ambientali richiesti.
Le organizzazioni di protezione dell'ambiente si erano sempre schierate contro questo progetto a   protezione della ricchezza della fauna e della flora della Grande Baia. Esse non tralasciavano di ricordare la responsabilità del gigante britannico nella gigantesca marea nera provocata dall'esplosione della sua piattaforma Deepwater Horizon nel Golfo del Messico. Difatti, c'erano voluti 87 giorni per fermare la fuga di petrolio dal pozzo situato a 1500 metri sotto il livello del mare. La marea nera si era sparsa su una superficie grande come la Virginia, contaminando le spiagge di 5 stati americani.
L'ammontare della catastrofe di Deepwater Orizzonte Horizon che aveva ucciso 11 persone, fatto 17 feriti e provocato la fuga di 507 milioni di litri di petrolio nel mare, ad oggi è cresciuta a più di 61 miliardi di dollari per BP. Questa cifra da capogiro comprende, tra l'altro, gli importi versati per pulire le coste, pagare delle multe alle diverse autorità americane ed indennizzare le imprese  e i cittadini vittime della peggiore catastrofe ambientalista della storia degli Stati Uniti.
Fonte: l’Ecolomag n°56 Nov/Déc 2016
 

• In Sudafrica, il primo aeroporto verde del continente

In apparenza, niente distingue l ‘aeroporto sudafricano (nel sud del paese) dagli altri. Situato  tra l’oceano indiano e la maestosa catena dell Outeniqua’, l’installazione aeroportuale è davvero unica: è infatti la sola del continente a operare con l’energia solare. Torre di controllo, scale mobili, banconi di registrazione, tappeti mobili per i bagagli, ristoranti, persino i distributori di biglietti, sono allacciati alla piccola centrale solare impiantata lungo la pista, al centro di un campo di  tarassaco. Con 2000  pannelli fotovoltaici, produce ogni giorno fino a 750 kw  di elettricità, che coprono largamente i 400 kw necessari all’alimentazione  dell’aeroporto. Il sovrappiù  viene  riversato sulla rete  municipale. In settembre, 274  famiglie sono state approvvigionate con elettricità verde, annuncia fieramente l‘aeroporto su uno schermo nella hall. Con i 700 000 passeggeri all'anno, l’aeroporto regionale di George, costruito per l’anziano presidente Pieter Botha  (1984-1989)  che possiede una casa nella regione, è molto frequentato da turisti e giocatori di golf.  Serve anche da fulcro per il trasporto dei fiori, delle ostriche ed altri pesci. E’ormai il primo in Africa e il secondo nel mondo – dopo quello di Cochin, in India- a funzionare con energia solare.Il bilancio ecologico dell’iniziativa è incoraggiante: dal varo della centrale solare a settembre, l’aeroporto ha diminuito le sue emissioni di  diossido di carbonio  di 1229 tonnellate, ovvero l’equivalente di 103 934 litri di gasolio. La fattura d’elettricità ne ha anch’essa fruito: si è infatti abbassata del 40% in un anno.
Fonte: l’Ecolomag n°56 Nov/Dic 2016 – Foto Actualités-Voyages.
 

• Una piscina parigina riscaldata grazie all’acqua delle fogne

Il Muncipio di Parigi ha recentemente inaugurato un nuovo dispositivo in una piscina della XIV circoscrizione, che permette di riscaldare le vasche e le docce recuperando il calore emesso dall’acqua delle fogne. Il sistema è innovativo: degli interscambi termici collocati nelle fogne captano il caldo delle acque consumate la cui temperatura è compresa tra 13°C e 20°C tutto l'anno. Questo caldo alimenta poi delle pompe che utilizzano questa energia per riscaldare le vasche ad una temperatura di 26°C, e le docce intorno a 35°C. La piscina Aspira Dunand, che accoglie ogni anno 130.000 persone, è la prima a beneficiare di questa pianificazione a Parigi , messa a punto da Suez.
Questa attrezzatura è stata inserita nella cornice del piano “Nuotare a Parigi”, votata l'anno scorso e che prevede la creazione o il rinnovamento di piscine nella capitale.  " La prestazione energetica è una dei primi criteri nei lavori di innovazione delle piscine", ha spiegato M. Martins, il vice sindaco responsabile nel settore dello sport. Il Municipio di Parigi augura estendere questo procedimento ad altri siti della città. Altre installazioni sportive ne potrebbero beneficiare presto, oltre alle palestre. La città di Parigi ha adottato nel 2007 un piano “Clima Energia” che mira a ridurre del 25% il consumo di energia della capitale e portare al 25% la parte delle energie rinnovabili di qui al 2020.
Fonte: l’Ecolomag n°56 Nov/Déc 2016 – Foto Nouvel Obs.
 

• Wikipedia del bricolage

Se fate bricolage ma vi manca il metodo, due giovani francesi hanno creato una piattaforma collaborativa, che vi spiega come fabbricare tutto! “ La nostra idea è di creare Wikipedia per coloro che fanno del bricolage” spiega Clement Flipo. Insieme al suo amico Pierre Boutet, lo scorso giugno hanno lanciato wikifab.org. Una nuova piattaforma collaborativa che condivide già più di 250 tutorial gratuiti.
Abbiamo trovato di tutto: dai piani per costruire una sedia a sdraio così come un bluetooth altoparlante fino ad un trattore a pedali e consigli pratici per mettere un parquet a casa propria. Il loro sito non è a scopo di lucro, utile, pratico e, come il principio di Wikipedia, è possibile partecipare per renderlo migliore.
Rif :  Agenda Plus n° 282 Nov. 2016-11-22
 

• People, planet, prosperity…

Persone, pianeta, prosperità: questa triade è il motto della Global Alliance for banking sui guadagni, un’alleanza globale di banche impegnate a portare dei cambiamenti positivi nel settore bancario e nel mondo. Nello scorso luglio, 8 nuove banche hanno aderito al cambiamento. Con queste adesioni é arrivato così a 36 il nome dei membri della GABV in Asia, Africa, Australia, America Latina, America del Nord e Europa. I membri della rete rappresentano 24 milioni di clienti e 42.000 collaboratori. Gestiscono globalmente più di 110 miliardi di dollari di attività, investono in programmi, in prodotti e in progetti che rendono economicamente, socialmente ed ecologicamente. La banca Triodos è una dei fondatori di questo movimento mondiale incentrato sui valori. Info su gabv.org
Rif. :  Agenda Plus n° 282 Nov. 2016-11-22
 

• Un fast-food adatta i suoi prezzi al reddito degli abitanti

Del tutto nuova, la catena d USA di fast-food « Everytable» dovrebbe far parlare molto di sé. Quest’estate ha aperto il suo primo ristorante nel modesto quartiere di South Los Angeles e ben presto ne aprirà un secondo nella zona più agiata del Centro. La differenza tra i due locali?  Nessuna, se non si tiene  conto dei prezzi dei piatti, che si adattano al reddito degli abitanti della zona di apertura del fast-food.  La catena può permettersi questa differenza grazie al funzionamento di un « self-service » che limita la mano d’opera, alle dimensioni del locale e a un moderato affitto. 
« Everytable » propone solo piatti sani, a base di prodotti freschi e, soprattutto, diversificati. 

Rif.:  Agenda Plus n° 282 Nov. 2016-11-22
 

• Cogliere la propria frutta e verdura al supermercato

Per i cittadini a volte è difficile procurarsi frutta e verdura fresche e di buona qualità, a meno di pagarne il prezzo oppure di arrivare fino ai produttori, molto distanti dal luogo di residenza.
Quello che propone la catena brasiliana di supermercati « Zona Sud » (Zona Sul), dovrebbe far riflettere alcune delle nostre grandi marche alimentari. Per consentire ai propri clienti di poter accedere a buoni prodotti senza andare in rovina né spostarsi, il negozio di Rio si è dotato di una gamma di frutta a verdura un po’ particolare: erba, terra e, soprattutto, veri germogli! Al cliente non resta che cogliere ciò di cui ha bisogno. Un mezzo ecologico per essere sicuri di avere buoni prodotti, originari della propria regione!

Rif.: Agenda Plus n° 282 Nov. 2016-11-22
 

• Amazzonia : l'abolizione del progetto
di una diga enorme per produrre energia elettrica

Grande notizia per l'Amazzonia e per gli indios Munduruku. L'agenzia ambientale brasiliana (IBAMA) ha da poco abolito la licenza del progetto di una diga enorme sul fiume Tapajòs. È davvero una bella vittoria per il popolo dei Munduruku, minacciati di essere espulsi per un piano che avrebbe inondato i loro territori ancestrali. E, anche, un bel premio per tutti coloro che si sono impegnati al loro fianco in questa contesa: più di 1,2 milioni di persone nel mondo. Questa mobilitazione globale, per salvare il cuore dell'Amazzonia, ha fatto la differenza.
Fonte: Agenda Plus, n° 281, 17 ottobre 2016 — Immagine: Greenpeace.
 

• Rennes, verso l'autosufficienza alimentare

L'autosufficienza alimentare non è un'utopia, è un obiettivo concreto e necessario! Dopo Albi, una seconda grande città francese ne ha preso coscienza e si è lanciata in un programma ambizioso di transizione cittadina ed ecologica: la città di Rennes. Per non farsi mancare nulla, per sostenere la vita economica e locale, per garantire una sana alimentazione senza inquinamento per i loro figli la comunità ha votato il 27 giugno scorso un decreto che, casualmente, potrebbe cambiare la vita dei suoi 210.000 abitanti.
Per raggiungere l'autonomia alimentare, il Comune dispone di uno spazio per la produzione agricola stimato intorno ai 30.000 ettari. Ma, l'estensione non è tutto. Gli incaricati hanno infatti deciso di mettere il pacchetto sul biologico, sull'agricoltura urbana, l'agroecologia, la permacoltura, le Associazioni per l'Agricoltura Civica (AMAP), i circuiti corti di mercato, l'educazione ad una sana alimentazione... e sulla collaborazione di tutti gli abitanti! In effetti, l'autosufficienza alimentare è possibile solo con una solida partecipazione dei cittadini. Loro saranno, quindi, invitati e incoraggiati ad essere dei consumatori informati… ma, anche, a diventare essi stessi  dei produttori coscienziosi. Il programma è sostenuto, d'altra parte, dagli «incredibili commestibili» di Rennes con l'ambizione e la riconquista dagli abitanti delle zone urbane. Obiettivo: che ognuno si impegni a far crescere  frutta e verdura biologiche dove è possibile per una redistribuzione gratuita e collettiva della produzione!
Mangiare bene e non farsi mancare nulla nel rispetto del pianeta... Alcune decisioni semplici e concrete prese nell'anonimato dai Consigli Provinciali valgono di più che molte conferenze internazionali!
«Pensare globale, agire locale»: la celebre espressione di Jacques Efful prende qui tutto il suo senso. Il cambiamento verrà dal basso o non verrà. Albi e Rennes ne danno l'esempio. Ne parliamo ai nostri responsabili comunali?
Fonte: Agenda Plus, n° 281, 17 ottobre 2016
 

• Il Gambia stabilisce il divieto del matrimonio tra minori

In una dichiarazione diffusa in luglio dai mass-media, il presidente gambiano Yahya Jammeh (foto a fianco) ha decretato il divieto del matrimonio tra minori, minacciando il carcere per consorte e  genitori che non rispettino questa decisione. Alla fine del novembre 2015, egli aveva già stabilito il divieto dell'escissione, sottolineando che questa pratica non è prescritta dall'Islam e deve quindi essere abolita. Un mese più tardi, il Parlamento aveva acconsentito ad una legge che reprimeva penalmente le mutilazioni genitali femminili.
Fonte: Agenda Plus, n° 281, 17 ottobre 2016
 

• Finirla con le chiamate telefoniche commerciali

Succede sempre quando si è sotto la doccia che ci chiamano per proporci finestre a doppi vetri. E conoscendo le condizioni di lavoro degli impiegati dei call center, preferiamo gocciolare  sulla moquette che riattaccare sul naso. Ebbene rallegratevi, dal 1° giugno potete sfuggire  a questa persecuzione  iscrivendovi sulla lista del registro delle opposizioni telefoniche. Andate sul sito www.registrodelleopposizioni.it et laissez-vous guider. e lasciatevi guidare. E’ gratuito. I vostri dati saranno registrati, le imprese che oseranno ancora chiamarvi saranno passibili di multe che possono raggiungere anche 75000 euro. Calma però.  Qualche eccezione  c’è comunque : le società con le quali avete dei contratti in corso, gli studi di settore per i giornali, e le imprese che non vendono niente ( servizi pubblici, istituti di sondagio, associazioni..)
Fonte  Rivista  Causette settembre 2016 (in francese)
 

• Leggere può farci guadagnare due anni di vita

Si tratta di uno studio condotto dai ricercatori dell’università di Yale negli Stati Uniti che farà piacere a tutti coloro che amano tuffarsi in un libro appena hanno cinque minuti.
La lettura dei libri ( i giornali e le letture meno impegnative non contano) ci faranno guadagnare dei mesi, anche degli anni di vita in più. Lo studio rivela anche che coloro che leggono fino a 3 ore e 30 minuti per settimana, hanno il 17% in meno di rischio di morire nei dodici anni a venire. Voi ci passate ancora più ore? Allora  ci guadagnate in media due anni di vita rispetto a quelli che non leggono mai un libro. Perché? Perché, dice uno degli autori dello studio, un professore di epidemiologia all’Università di Yale che la lettura “ agisce sulla salute, l’educazione le capacità cognitive e molte altre varianti” tra cui la concentrazione, lo spirito critico e l’empatia.
Fonte : rivista Causette settempre 2016 (in francese)
 

• Divieto di pesca in acque profonde: una prima vittoria!

Siete stati quasi 900 000 a firmare la petizione dell’associazione francese Bloom per la protezione degli oceani, illustrata da Penelope Bagieu. Ebbene, fatto: le tre istituzioni europee- la commissione di Bruxelles, il Consiglio dei Ministri della pesca e il Parlamento- hanno concluso un  accordo. La pesca con lo strascico oltre gli 800 metri di profondità sarà vietata nelle acque  europee a partire dal 2017. Questa tecnica di pesca danneggia i fondali marini, poiché smuove tutto al suo passaggio, senza distinzione. Lo strascico dunque cattura  diverse specie di pesci, di cui solo qualcuna è utilizzata, distruggendo differenti habitat sottomarini.
Come completamento a questo divieto, i pescatori non potranno più andare in nuove zone di pesca a partire dai 400 metri di profondità e le zone riconosciute come habitat di ecosistemi vulnerabili – come il corallo  , per esempio,  sono vietate allo strascico.
Fonte rivista Agenda plus n° 280 settembre 2016 (in francese)
 

• Pur producendo in ugual misura,
l’agricoltura bio ha una maggiore resa

Uno studio a lungo termine condotto dall’istituto di ricerca svizzero riguardo l’agricoltura bio in Kenya ha dimostrato che l’agricoltura bio non soltanto produce dei raccolti equiparabili ai metodi tradizionali ma genera maggiori redditi per gli agricoltori stessi.
Iniziato nel 2007, questo studio smentisce il mito secondo il quale l’agricoltura bio richiede più spazio per produrre raccolti analoghi.
Con dei costi più bassi per le materie prime riguardo il bio e dei prezzi più alti per il mercato, i redditi degli agricoltori bio cominciano ad essere maggiori dopo 5 anni fino ad arrivare a profitti superiori del 63% al sesto anno.  Studi paralleli condotti in India sulla produzione di cotone e in Bolivia sulla produzione di caffè hanno dimostrato risultati positivi similari riguardo il bio.
Fonte : rivista Agenda Plus n°280 Settembre 2016 (in francese)
 

• Energie rinnovabili : milioni di lavoratori

Secondo l’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili (IRENA), il settore fotovoltaico è il primo datore di lavoro per 2,8 milioni di posti di lavoro nel mondo, il settore dei biocarburanti arriva in 2a posizione (1,7 milioni di posti di lavoro), seguito dal settore eolico (1,1 milione di posti di lavoro).
Secondo le analisi dell’IRENA, la comunità internazionale raddoppierà il settore delle energie rinnovabili nel sistema energetico mondiale entro il 2030 (per il conseguimento degli obiettivi climatici mondiali) e questo genererà più di 24 milioni di posti di lavoro nel settore delle energie rinnovabili.
Fonte : magazine Agenda Plus n°280 Settembre 2016 (in francese)
 

• Nessuna deforestazione sarà permessa in Norvegia

È il primo paese al mondo a prendere questa incredibile decisione!
In Norvegia, il governo ha preso la posizione coraggiosa di una politica ecologica di primo piano. È, in effetti, il primo paese al mondo a mettere al bando ogni tipo di deforestazione per preservare la natura. La notizia è passata quasi inosservata, tranne che in rete. La Norvegia diventa il primo paese al mondo ad impegnarsi per abolire tutti i generi di deforestazione sul suo territorio, con lo scopo di tutelare la natura.
Per questo, il governo dovrà imporre delle norme e delle regole per assicurarsi che gli appalti pubblici non contribuiscano al disboscamento delle loro foreste.
 

EDITIONS SOIS / AURA SOIS FORMATION - L'Essenie - 24580 Plazac - Tél. 05.53.51.19.50 - editions@sois.fr / aura@sois.fr / aurasois.italia@gmail.com
Site créé par IRCF